Come aiutare i sognatori compulsivi

Se sei uno psicologo, psicoterapeuta, psichiatra o medico:

Informati su questo disturbo, parlane con i colleghi. Se sospetti che un tuo paziente ne soffra, parlagliene. Incoraggia gli studi sull’argomento negli ambienti medici e nelle università. Crea gruppi di discussione e confronto. Crea questionari per approfondire l’argomento.

Se sei un sognatore compulsivo:

Diffondi la conoscenza di questo sito attraverso i canali che ritieni più opportuni. Puoi decidere di parlarne con qualcuno di cui ti fidi, familiare, amico o medico, se pensi che possano capire. Tieni presente che questo disturbo è quasi sconosciuto perciò la maggior parte dei terapisti non ne sanno nulla; se sei in terapia puoi decidere se parlarne o meno, eventualmente puoi dare l’indirizzo di questo sito.

Se sospetti che un tuo conoscente soffra di MDD:

Prova ad affrontare l’argomento con delicatezza. Non parlare troppo direttamente, in quanto molti sognatori compulsivi provano vergogna della loro situazione. Ad esempio puoi introdurre l’argomento così: “Ti capita mai di fantasticare troppo? Sai, ho letto qualcosa di interessante a proposito di un disturbo da fantasia compulsiva. Prova a dare un’occhiata a questo sito: maladaptivedaydreamingitalia.com.

Non parlarne ad altri senza aver prima chiesto il permesso della persona interessata.

Se sei un genitore e sospetti che tuo figlio fantastichi troppo

I sognatori compulsivi generalmente riferiscono che il disturbo è comparso attorno ai 5/6 anni. E’ da tenere a mente, però, che tutti i bambini sognano ad occhi aperti e talvolta anche gli adulti non problematici. Perciò non adottate un atteggiamento allarmista e soprattutto non confondete la fantasia compulsiva (un disturbo psicologico) con l’introversione, che è semplicemente un tratto caratteriale e non un problema (vedi anche: fantasia compulsiva e introversione). Non esistono ancora studi su come affrontare il problema del disturbo da fantasia compulsiva con bambini e adolescenti. Tuttavia è assolutamente importante che non denigriate vostro figlio se notate che si perde nella propria fantasia e che non lo facciate sentire in colpa o in imbarazzo: infatti, più il mondo esterno (compresi voi) gli sembrerà ostile, più tenderà a rinchiudersi in se stesso e a costruirsi un mondo immaginario che gli piace di più. Cercate piuttosto di circondarlo di attenzioni amorevoli ma non invasive.

Se fai parte di un gruppo di psicologia su internet o se lavori ad una rivista:

Proponi il disturbo da fantasia compulsiva come argomento e inserisci il link a questo sito.

Se sei un esperto di computer o conosci bene l'inglese

Puoi aiutarci a creare un forum per sognatori compulsivi o a gestire il gruppo facebook, o puoi aiutarci a tradurre materiali e articoli dall'inglese. Contattami all'indirizzo fantasiacompulsiva@yahoo.it per maggiori informazioni.

 


torna a Contatti

torna a Home